Rossella Fava _ cAtrOuGe
rossella@catrouge.com
Skype cat.rouge
 
homedownloadcontattiEsposizioniCollaborazioniTestiPubblicazioniguestbookbloglinkfeed rss  
 
contatti
DigitalArtGraficaFotografiaPitturaaltro2012 2010201020092008200720062005200420032002199919981997  


Io Espongo


Concorso dedicato ai giovani artisti emergenti.

Pittori scultori, fotografi si confrontano direttamente con il pubblico: ogni MERCOLEDÌ A PARTIRE DALLE ORE 22 nei locali del Pastis di Piazza Emanuele Filiberto 9b a Torino viene inaugurata la mostra della settimana.
IL PUBBLICO presente alla serata è chiamato a esprimere due preferenze tra le opere esposte.
I due artisti più votati accederanno al turno delle semifinali fino ad arrivare in finale dove la selezione sarà effettuata da una giuria di qualità composta ogni anno da artisti affermati, professori, giornalisti e galleristi.
Ogni anno espongono presso l’Associazione Culturale AZIMUT circa 120 artisti ma soltanto pochi di loro si aggiudicano il passaggio alla finale e quindi la pubblicazione all’interno del catalogo realizzato per l’edizione.

IO PARTECIPO ALLA SELEZIONE DEL 30 GENNAIO 2008
con il dittico "TRAPPOLA"


Date
30 gennaio 2008
5 febbraio 2008
Presso
PASTIS Piazza Emanuele Filiberto 9b Torino [ TO ]



::Alcune opere esposte

trappola
trappola

 

 esposizioni/ ioespongo  
Tutte le fotografie, le immagini digitali, i dipinti del portfolio, salvo ove diversamente indicato, sono in vendita. Per maggiori informazioni: catrouge@gmail.com
sito visitato dal 1 giugno 2006

Tutte le immagini e i testi di questo sito sono pubblicati sotto Licenza Creative Commons: sei libero di riprodurre e/o distribuire i lavori qui pubblicati alle seguenti condizioni: * Attribuzione — Devi attribuire la paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in licenza e in modo tale da non suggerire che essi avallino te o il modo in cui tu usi l'opera. * Non commerciale — Non puoi usare quest'opera per fini commerciali. * Non opere derivate — Non puoi alterare o trasformare quest'opera, ne' usarla per crearne un'altra.