Rossella Fava _ cAtrOuGe
rossella@catrouge.com
Skype cat.rouge
 
homedownloadcontattiEsposizioniCollaborazioniTestiPubblicazioniguestbookbloglinkfeed rss  
 
contatti
DigitalArtGraficaFotografiaPitturaaltro2012 2010201020092008200720062005200420032002199919981997  


::: attualità datata 1921

attualità datata 1921

ho trovato su internet questo testo TRISTEMENTE SPASSOSO e ANCORA CONTEMPORANEO, tratto da: Giuseppe Prezzolini _ Codice della vita italiana _ Firenze, 1921 ne riporto alcune parti:

Capitolo I. - Dei furbi e dei fessi
1. I cittadini italiani si dividono in due categorie: i furbi e i fessi.
2. Non c'è una definizione di fesso. Però: se uno paga il biglietto intero in ferrovia, non entra gratis a teatro; non ha un commendatore zio, amico della moglie e potente nella magistratura, nella Pubblica Istruzione ecc.; non è massone o gesuita; dichiara all'agente delle imposte il suo vero reddito; mantiene la parola data anche a costo di perderci, ecc. questi è un fesso.
3. I furbi non usano mai parole chiare. I fessi qualche volta.
4. Non bisogna confondere il furbo con l'intelligente. L'intelligente è spesso un fesso anche lui.
5. Il furbo è sempre in un posto che si è meritato non per le sue capacità, ma per la sua abilità a fingere di averle.
6. Colui che sa è un fesso. Colui che riesce senza sapere è un furbo.
Capitolo II. - Della Giustizia
19. In Italia non si può ottenere nulla per le vie legali, nemmeno le cose legali. Anche queste si hanno per via illecita: favore, raccomandazione, pressione, ricatto ecc.
Capitolo III. - Del Governo e della Monarchia
23. In Italia il Governo non comanda. In generale in Italia nessuno comanda, ma tutti si impongono.
Capitolo VI. - Delle leggi
39. Tutto ciò che è proibito per ragioni pubbliche si può fare quando non osta un interesse privato. Nei vagoni dove è proibito fumare tutti fumano finché uno non protesta.
40. In Italia nulla è stabile fuorché il provvisorio.
Capitolo VIII. - Dell'ideale
44. C'è un ideale assai diffuso in Italia: guadagnar molto faticando poco. Quando questo è irrealizzabile, subentra un sottoideale: guadagnar poco faticando meno.
Capitolo X. - Della proprietà collettiva
47. La roba di tutti (uffici. mobili dei medesimi, vagoni, biblioteche, giardini, musei, tempo pagato per lavorare, ecc.) è roba di nessuno.

testo completo:
http://www.lobodilattice.org/node/3827



2008-12-03 14:40:51

archivio blog »»»

Tutte le fotografie, le immagini digitali, i dipinti del portfolio, salvo ove diversamente indicato, sono in vendita. Per maggiori informazioni: catrouge@gmail.com
sito visitato dal 1 giugno 2006

Tutte le immagini e i testi di questo sito sono pubblicati sotto Licenza Creative Commons: sei libero di riprodurre e/o distribuire i lavori qui pubblicati alle seguenti condizioni: * Attribuzione — Devi attribuire la paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in licenza e in modo tale da non suggerire che essi avallino te o il modo in cui tu usi l'opera. * Non commerciale — Non puoi usare quest'opera per fini commerciali. * Non opere derivate — Non puoi alterare o trasformare quest'opera, ne' usarla per crearne un'altra.